Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

ProVita, l’intervista al fondatore Antonio Brandi!

ProVita, l’intervista al fondatore Antonio Brandi!

Abbiamo deciso di aprire una nuovissima rubrica dove parlano SEMPRE degli Imprenditori con la I maiuscola, ma si tratta in questo specifico caso di imprenditori che hanno come prima Missione la difesa della Vita, della Famiglia e della Verità, in tutti i suoi aspetti.

Perchè questa scelta editoriale? Semplice, tutti gli imprenditori che parlano su queste pagine hanno un messaggio positivo da dare, hanno qualcosa da insegnare agli altri, dall’imprenditore che ha creato da zero un business spettacolare all’imprenditore che oltre a fare business agisce con spirito imprenditoriale anche in difesa di valori altrettanto sani.

Si sente tanto parlare in ambienti marketing di metodi “mezza mela” o operazioni “mezza mela”, non ne possiamo cogliere tutto il senso, certi “esperti” parlano arabo, infatti il buon Peter Drucker diceva che il management e le operazioni di marketing non possono essere insegnate dagli accademici, semplicemente perchè non ne hanno PRATICA…

Anche per questo facciamo parlare soltanto GLI IMPRENDITORI veri.

Ma sappiamo anche che hanno inventato scandali contro ad esempio Silvio Berlusconi (in Italia) o contro politici e magistrati galantuomini per forzarli su posizioni di morte o censorie, vedi Bill Clinton, quello dell’ovale blu.

Scandali che hanno avuto solo lo scopo di affermare dinamiche di morte e di controllo manipolatorio (con il debito soprattutto) contro le persone e contro chi ha l’onore e l’onere di governarle e servirle.

Anche gli imprenditori servono le persone, noi insegnamo nel nostro piccolo strategie d’impresa e operazioni di marketing, ma bisogna chiarire che qualsiasi strategia, se non è Pro-Vita, non è una strategia, è altro, per questo siamo lieti di ospitare sulle nostre pagine un grande uomo ed ex imprenditore che è anche un combattente vero per la Vita, un veterano di guerra, in pensione da pochi anni.

A fare da apripista alle nostre interviste per la Vita è infatti niente popo di meno che Toni Brandi, grande passato da imprenditore e CEO controcorrente nonchè fondatore della nota rivista Notizie Pro Vita.

Chi è nato negli anni ’70 sa bene come sia dai tempi del grande San Giovanni Paolo II e del grande Papa Benedetto XVI che i pro Vita e tutte le associazioni Pro Life non vengono invitate a Piazza San Pietro. I ricordi di Piazza San Pietro con noi ragazzi seduti per terra con in mano il Santo Rosario è sicuramente uno dei ricordi più belli che ci incoraggiano anche in questi strani tempi di relativismo, eresia, apostasia e falsi miti di progresso.

Ladies and gentlemen, scopriamo un po’ di storia sulla Missione di ProVita in Italia leggendo ed ascoltando direttamente le parole del fondatore, buona lettura!

1. Lei è il fondatore della Onlus ? Qual’è il Suo nome di battesimo ?
Si, mi chiamo Antonio Brandi e ho fondato la rivista Notizie Pro Vita nel 2012 insieme a amici e giornalisti. Siamo divenuti Onlus nel 2014.

2. Quello attuale (principale) è l’unico settore sul quale ha avuto il Suo focus fino ad oggi?
Cosa l’ha spinta ad intraprendere la strada attuale?
Professionalmente sono un imprenditore che vive all’estero, a Praga in Repubblica Ceca. Ho iniziato questa attività dopo la morte di Chiara Corbella Petrillo che si è sacrificata per dar vita al suo figlio nel Giugno del 2012. Indubbiamente, Chiara mi ha ispirato a battermi per la Vita e per la Famiglia.

3. Cosa faceva prima di fondare questa ONLUS?
Tutta la mia vita professionale l’ho spesa nel settore del turismo all’estero dal 1971. Prima di Pro Vita ho anche fondato una ONG in Lituania nel 1991 per sostenere i Lituani nella loro battaglia per l’Indipendenza dall’URSS. Nel 2005 ho anche fondato la Laogai Research Foundation Italia Onlus impegnata nella denuncia dei campi di concentramento cinesi, i laogai, dove milioni e milioni di uomini donne e bambini sono costretti al lavoro forzato a vantaggio economico del regime comunista cinese e di numerose multinazionali che producono in Cina.

4. Da quanto tempo ha questo spirito di servizio verso il prossimo? E’ un fuoco che ha sempre sentito sin da piccolo oppure è stato ispirato da qualcuno in particolare?
Direi che tutto sia iniziato con il mio ritorno alla Chiesa nel Settembre del 1991, dopo una lunga confessione di oltre 90 minuti.

5. Potrebbe descriverci a modo Suo perchè la Sua ONLUS è differente e soprattutto perchè i Suoi potenziali benefattori dovrebbero scegliere proprio la Sua ONLUS piuttosto che altre ?
Posso solo dire che Pro Vita è una Onlus che si batte per la Vita e la Famiglia in nome di chi non può parlare, soprattutto in nome dei bambini abortiti. Agiamo sul piano culturale con il sito www.notizieprovita.it, la nostra rivista mensile Notizie Pro Vita e varie pubblicazioni anche multimediali; sul piano sociale con campagne mirate pro life, come contro la maternità surrogata, il gender nelle scuole e offriamo aiuto a mamme, famiglie, persone disabili e anziani. Inoltre sul piano politico-giuridico Pro Vita intraprende azioni legali; promuove petizioni; organizza conferenze stampa e interviene presso organi politici e amministrativi come le Commissioni Parlamentari.

In più, promuoviamo la battaglia in favore di una sessualità pienamente coerente con la legge morale naturale, la quale è contraddetta sia da atti impuri solitari, sia dalla contraccezione (in particolare dall’uso del preservativo): anche gli atti tra uomo e donna possono infatti deviare dai principi morali qualora non siano ordinati al fine del rapporto sessuale, cioè non siano aperti alla vita, e non avvengano in un contesto in cui la vita abbia tutte le garanzie per poter svilupparsi al meglio: cioè nel matrimonio. Il sesso non è “puro divertimento”, ma anzitutto un atto con un fine nobilissimo e con conseguenze morali gravi. 
L’amore vero come dono di se, quello volto alla procreazione, l’amore casto che rispetta il sesto comandamento è fondamentale per ogni vero cristiano e per ogni vero uomo o donna.
Scopriamo che la denatalità è una delle peggiori malattie delle società occidentali, in quanto l’amore e la procreazione vengono trasformati in un atto di egoismo (tramite soprattutto i contraccettivi, l’aborto, ed altre deviazioni sessuali). Se aggiungiamo a questa ragione principale, la drammatica situazione economica e la mancanza di seri aiuti per le famiglie, che rendono più difficile la formazione di una famiglia, vediamo bene come questa cultura mortifera stia portando i popoli occidentali al suicidio demografico.
L’amore vero e puro, quello aperto alla vita, e delle politiche che favoriscano la formazione della famiglia numerosa, sono l’unica strada per un futuro in cui i nostri figli possano prosperare nel godimento dei beni, sia materiali che soprattutto spirituali.

6. Riguardo a Suoi eventuali collaboratori o partner in altre provincie d’Italia, qual’è l’identikit del Suo collaboratore o partner ideale in questo settore ?
Generalmente volontari che si rendano conto della decadenza morale e spirituale a cui siamo arrivati oggi e che vogliono non solo parlare ma, soprattutto, agire.

7. Quali sono gli obiettivi realizzati sino ad oggi e da oggi in poi verso quali risultati vuole spingere la Sua ONLUS ?
Abbiamo decine di migliaia di sostenitori in tutta Italia che ci aiutano e agiscono. Per alcune delle nostre attività consiglio di leggere http://www.notizieprovita.it/provita-ha-bisogno-di-te/
e
http://www.notizieprovita.it/campagne/

Ultimamente abbiamo avuto una grande vittoria, un caso Barilla al contrario. Grazie a un nostro sostenitore abbiamo potuto prenotare un centinaio di spot di 30 secondi contro l’utero in affitto nelle sale del circuito di UCI Cinema con un contratto firmato il 28.10. . Successivamente a pressioni delle lobby LGBT la direzione UCI ha sospeso i nostri spot ma, in seguito alle nostre rimostranze e all’intervento del senatore Giovanardi la direzione UCI ha capito ed ha mostrato grande sensibilità quando ha saputo chi erano coloro che avevano protestato ed ora gli spot saranno nei cinema UCI fino al 5 gennaio.
Perciò il buon senso e la ragione incominciano a vincere!

8. Quando assume o comunque porta in squadra qualcuno, cosa offre in cambio?
(Se quel qualcuno Le domandasse perchè dovrebbe essere parte proprio della Sua ONLUS cosa gli direbbe?)
Che noi ci battiamo per chi non può più parlare e per la rinascita morale e spirituale del nostro popolo ma solamente nel campo morale e antropologico che è ovviamente il più importante.

9. Spesso chi comanda, anche in una ONLUS probabilmente, viene dipinto quasi come un comandante coercitivo. Come evita questa ingiusta etichetta e come organizza il lavoro dei Suoi collaboratori ?
Siamo relativamente ben strutturati con un direttivo e un gruppo operativo dove ciascuno ha incarichi precisi nei vari settori marketing, pubbliche relazioni, ufficio stampa, editoria e campagne

10. Quanto tempo libero riesce a ritagliarsi ogni settimana ?
Molto poco in genere la domenica pomeriggio se non sono in viaggio

11. Puo’ illustrare in poche parole agli aspiranti Suoi partner in altri territori perchè il supporto e l’aiuto che riesce a dare la Sua organizzazione crea più Valore e una Vita migliore per le persone che servite ? Come sa il valore della Verità è al primo posto nella nostra missione di servire le persone, pertanto La preghiamo di far capire bene perchè create VALORE per le persone.
Perchè con i fatti aiutiamo le famiglie, gli anziani e i disabili bisognosi di sostegno sia umanamente che economicamente

12. Ci racconta un momento di grande paura e uno di massima soddisfazione che ha vissuto nella Sua avventura con la Sua ONLUS ?
Come grande soddisfazione penso alla recente vittoria di UCI Cinema, un caso di grande paura purtroppo non lo ricordo anche perchè di natura sono una persona ottimista

13. Ha già creato un sistema completo e collaudato (online/offline) che le porta flussi di nuovi finanziatori ideali già caldi e pronti ad abbonarsi per finanziare i servizi della Sua ONLUS in continuazione ?
Si, credo che abbiamo un buon sistema di fundraising anche perchè umilmente suggerisco che la gente vede che noi parliamo poco e agiamo molto

14. Ci crede allo spirito imprenditoriale anche all’interno di una ONLUS ? Quali imprenditori famosi ammira (italiani e/o internazionali)? E perché possono ispirare anche una ONLUS ?
Assolutamente si e Pro Vita Onlus è organizzata come un’azienda e come imprenditore, penso a Umberto Dal Corona, imprenditore cattolico di Livorno.

15. Cos’è il successo per Lei nel Suo delicato lavoro? Come immagina sarà la Sua ONLUS fra 5 anni e cosa sta facendo perchè diventi come la immagina ?
Il successo deve rispecchiare la nostra Missione che è di operare in difesa dei bambini, della vita dal concepimento alla morte naturale, e sostenere la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e difendere il diritto e dovere dei genitori a educare i propri figli. Tra cinque anni spero che saremo molto più grandi e capaci di influenzare ancor più positivamente la vita del nostro paese.

16. Qual’è la qualità umana e professionale che raccomanda a qualcuno che desiderasse cooperare con Lei in altri territori ?
Varie direi, la precisione, la determinazione e la massima integrità

17. Su quale tipo di aiuti e sostegni la Sua ONLUS è maggiormente focalizzata ed esattamente come risolvete per sempre il problema su cui siete gli specialisti ?
Viviamo di donazioni e noi stessi del direttivo e volontari diamo contributi. Il problema economico è grande ma con la determinazione e la preghiera andiamo avanti.

18. Qual’è il problema o il desiderio/bisogno che la Sua ONLUS riesce a risolvere meglio di chiunque o dove la Sua squadra viene maggiormente allenata ?
Infine, potrebbe indicarci il numero di persone che sino ad oggi hanno risolto il loro problema grazie al supporto della Vostra organizzazione ? Come vivono ora queste persone ? Sono più felici ?
Non voglio essere arrogante e giudice delle nostre azioni di cui risponderemo al nostro Creatore. Suggerisco solo umilmente che quello che forse ci contraddistingue è l’azione e molti ci hanno ringraziato per averli aiutato o contribuito a salvare vite. Abbiamo circa 117.000 sostenitori che si interfacciano con noi da tutte le regioni d’Italia

19. Come Lei già ha intuito, siamo un portale che nel suo piccolo cerca di diffondere i valori bimillenari di libertà e sostegno reciproco in quanto cattolici, cerchiamo di farlo nel settore del business e della crescita imprenditoriale, ma anche nel sociale. Ci piacerebbe chiederLe questo:
cosa dovrebbe fare un aspirante partner locale che volesse aprire una ONLUS con lo stesso Vostro obiettivo e con i Vostri stessi Valori in modo da coprire più velocemente altri territori? E’ possibile ad esempio avere una Sua email in modo che possano mettersi direttamente in contatto con Lei? Le chiediamo gentilmente di comunicarci una Vostra email ufficiale o il Suo contatto Google Hangout. Grazie.

Pro Vita è aperta a ogni collaborazione nella lotta per Cristo, la Vita e la Famiglia
La mia email,
toni.brandi@gtsalive.com

Ringraziamo il Presidente di Pro Vita Antonio Brandi, come redazione siamo contentissimi di questa preziosa intervista. Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.